“Un momento, sto pensando!” Come imparare meglio con il Metodo Feuerstein

A cura della dott.ssa Roberta Berici - Psicologa dell'età evolutiva presso il Centro Psicologia di Gorgonzola   Cos'è il Metodo Feuerstein? Il Metodo Feuerstein è stato messo a punto da REUVEN FEUERSTEIN, Professore di psicologia e pedagogia in Israele e negli Stati Uniti, che dal 1992 ha fondato e diretto il Feuerstein Institute di Gerusalemme, l'unico ente che fornisce gli

2022-07-31T13:06:14+02:00Maggio 17th, 2021|0 Commenti

FIL – Il funzionamento intellettivo limite: cos’è e come si interviene

A cura di: dott.ssa Monica Di Cesare e dott.ssa Alice Giangiacomo - psicologhe e psicoterapeute presso il Centro Psicologia Cosa si intende per FIL? Con l’espressione “Funzionamento Intellettivo Limite” (FIL) o “Funzionamento cognitivo Borderline” ci si riferisce ai bambini che presentano limiti intellettivi e problemi adattivi che rendono difficile rispondere a tutte le richieste della scuola e dell’ambiente. Per stabilire

2022-05-13T14:24:26+02:00Maggio 13th, 2021|0 Commenti

Bullismo e cyberbullismo: che differenza c’è? come difendersi?

Cosa si intende per bullismo? Con il termine bullismo si fa riferimento alle prepotenze perpetrate da bambini e ragazzi nei confronti dei loro coetanei. Un fenomeno contraddistinto da un’interazione tra coetanei caratterizzata da un comportamento aggressivo intenzionale, da uno squilibrio di forza/potere nella relazione e da una durata temporale delle azioni “vessatorie”. Il bullismo risulta essere ancora oggi un fenomeno

2022-05-18T11:40:15+02:00Marzo 18th, 2021|0 Commenti

Narcisisti: come riconoscerli, evitarli e uscire dalle relazioni tossiche

Può capitare di incontrare durante il corso della propria vita un uomo o una donna narcisista, amici, compagni e persino un genitore affetto da questo disturbo di personalità. Non è improbabile, anzi. Molti pensano che il narcisista sia colui/ei che ha un adorazione morbosa per se stesso, che si esprime nel culto e nella cura maniacale per il proprio corpo

Come fare amicizia con l’ansia

È vero, l’Ansia dà fastidio. Con l’Ansia abbiamo mal di pancia, mal di testa, perdiamo l’appetito, il respiro va in affanno e ci blocchiamo, non sappiamo più cosa fare… Sì, è vero, succede così soprattutto quando pensiamo che l’ansia sia qualcosa di negativo, in realtà questo stato emotivo è un’informazione che il nostro corpo, insieme alla mente, ci sta fornendo.

Che cosa ci rende felici?

Cosa rende felici? La felicità è un fenomeno complesso che ha determinanti biologiche, psicologiche e ambientali.   Alcuni studi compiuti sui gemelli portano ad affermare che i fattori biologici possono predisporre alcuni a essere più felici di altri. L’allele corto del gene trasportatore della serotonina è stato identificato come responsabile della vulnerabilità alla depressione, ma tale vulnerabilità deve essere scatenata

Emergenza COVID e disturbi alimentari: che relazione c’è?

Diversi studi hanno messo in evidenza gli effetti negativi e l’impatto psicologico della situazione pandemica che stiamo vivendo e il possibile incremento della loro severità nel tempo (Brooks,S.K. et al. 2020; Barari,et. al. 2020).   Quali sono gli effetti della pandemia rispetto ai disturbi alimentari?   Sostanzialmente vi è un più alto rischio di ricaduta e peggioramento dei sintomi per

Quando si può dire che un bambino è iperattivo?

Sempre più spesso, in ambito scolastico, si sente parlare di bambini iperattivi, impulsivi e con difficoltà a concentrarsi . Che cosa vogliono dire questi termini? Quando parlare di sintomi? Quando parlare di disturbo? Mettiamo un po’ di ordine! Solitamente la disattenzione, l’iperattività e l’impulsività, se interferiscono con il funzionamento e lo sviluppo, vengono considerate le caratteristiche fondamentali del Disturbo da

2022-06-18T12:03:25+02:00Marzo 18th, 2021|Tag: |0 Commenti

Come capire i bambini

I bambini, soprattutto quando sono piccoli, non sempre sono in grado di esprimere le proprie emozioni a parole. Anche per un adulto condividere uno stato d’animo può essere difficile, figuriamoci per i più piccoli! La differenza tra un adulto e un bambino è che quest’ultimo è un “libro aperto”, avendo (in alcuni casi) meno difese. Anche attraverso l’osservazione è possibile

2021-09-09T12:37:57+02:00Marzo 18th, 2021|Tag: |0 Commenti

Il metodo CO-OP

Il CO-OP (Cognitive Orientation to daily Occupational Performance) è un approccio che pone la persona al centro del processo di apprendimento. L'obiettivo è quello di migliorare l'acquisizione delle abilità percettivo-motorie e funzionali attraverso l'uso di un processo cognitivo: esso permette di identificare le strategie efficaci ad incrementare la propria performance ed in seguito aiuta a generalizzare e trasferire queste strategie

2020-08-11T15:38:34+02:00Luglio 28th, 2020|0 Commenti
Torna in cima