Certo, nel caso di bambini e ragazzi sotto i 18 anni, i genitori vengono regolarmente informati su come procede la terapia e viene data molta importanza alle informazioni da loro fornite. Tuttavia i dettagli di ciò che il bambino fa o dice sono tutelati dal segreto professionale, è importante infatti che il bambino si senta libero di esprimere le sue emozioni senza temere la reazione dei genitori.

A cura di Teresa Poli, psicologa dell’età evolutiva