Il termine “adolescenza” ha origine dal latino adolescere, ovvero “crescere, svilupparsi”. L’adolescenza è quel periodo dello sviluppo in cui avvengono importanti cambiamenti a livello fisico e psicologico. Si tratta di una fase di transizione molto delicata che segna il passaggio dalla fanciullezza all’età adulta, e che porta con sé un elevato potenziale trasformativo. Gli anni dell’adolescenza, infatti, si configurano come gli anni della sperimentazione di sé, durante i quali non è sempre chiaro chi si è, cosa si vuole, in che cosa si crede e soprattutto quale sia la propria meta, e terminano con l’acquisizione, da parte dei ragazzi, di nuovi ruoli, responsabilità e con la strutturazione di una propria identità.

A cura di Claudia Croci, psicologa